E mo che sò arivato ar santo giorno
fate er favore, levateme de torno
sti quattro mentecatti puzzolenti
mentre che sto a tenè occupati i denti.

Dopo che ho faticato n’anno intero
mica vorete dì che pure er nero
c’avrá la faccia de sedesse ar pranzo
invece che pijasse quarche avanzo?

Aho mica vorete rovinamme
la maggica nottata de Betlemme
co quello tutto rosso cor panzone…
ma forse mò sto a ffa un po’ confusione!

Vabbè hai capito, mò sta a guardá er capello
pe me va bene tutto tranne quello
che viene qua a guastá quell’atmosfera
che me fa ssentì più bbono, pe na sera.

Io se me impegno so pure capace
de fá no sforzo e dá er segno de pace
ma mica che ce credo veramente
ssinnò ndo la mettemo, ‘tta sta ggente?

Se voi anná ‘n giro a zonzo, amico mio
devi da esse, minimo, fijo de ddio
che tutti l’altri senza incenzo e oro
te dico, l’aiutamo a casa loro.

Commenti